Come leggere correttamente le informazioni sulle etichette dei prodotti


Terribili «E-shkami» abbiamo paura fin dall’infanzia. E già un paio di generazioni di consumatori russi sono fermamente convinto: se sull’etichetta sono indicati misteriosi E420, E296, E330, E160a, E300 – il prodotto è nocivo e fail per il consumo. Ma se questo è in realtà? Cerchiamo di capire.

Kak pravilno chitat informaciu na etiketkah prodyktov



Articoli correlati:

La domanda «come comporre un menu per il diabete» – 4 risposta

Consideriamo un semplice esempio. Difficile da credere, ma la combinazione di cui sopra «terribili» di lettere con l’acqua, fruttosio, glucosio, saccarosio e acido clorogenico c’è niente come… più che un fresco succo di mela! Ecco gli ingredienti che lo compongono, registrati e non a parole, ma con l’aiuto di uno speciale indice e assegnato loro camere.

Contrariamente alla credenza popolare, la marcatura E non è la designazione pericolose o di sostanze vietate. Al contrario, l’indice E, proveniente dalla parola «Europe», è un certificato di registrazione integratore alimentare europeo di registro. Integratori alimentari rientrano in questo registro di sistema solo dopo numerose prove, studi e verifiche sulla cancerogenicità, tossicità e allergenicità. E state introdotte queste lettere sono state al fine di evitare lunghe nomi chimici. Pertanto, durante lo studio della composizione del prodotto o della bevanda in etichetta tenete a mente che spesso i produttori utilizzano codici criptici esclusivamente per risparmiare spazio sulla confezione. Anche se a volte i produttori indicano nomi completi dei componenti che compongono il prodotto, per non indurre in errore gli acquirenti che non sanno ancora che per E-ingredienti non si nasconde nulla di pericoloso.

È importante notare che dovrete versare un integratore alimentare in registro di sistema consentiti solo così non funziona. La sua applicazione deve essere motivata e sicurezza – confermata dalle autorità responsabili della sicurezza alimentare nel paese. Quindi i vari integratori alimentari, ad esempio, acido (acido citrico – E330, ascorbico E300, ortofosforico – E338, etc.), naturali, coloranti (caramello colorante E150, la curcumina – E100, beta-carotene – E160a, ecc) è da tempo noto e collaudato componenti. Loro hanno usato per decenni per rendere il cibo più gustoso e esteticamente accattivante.

Lo stesso vale per le bevande analcoliche. In bibite zuccherate i produttori possono aggiungere consentiti coloranti alimentari, acidi e altri ingredienti. E per tutti questi nomi di bevande si nascondono più volte negli ultimi vari controlli semplici componenti. Così E150 – naturale, colorante caramello – semplicisticamente parlando, è un zucchero bruciato. Questo colorante può dare alla bevanda tonalità da paglierino chiaro a tonalità marrone scuro, come, ad esempio, nelle bevande tipo cola. E E338 – acido ortofosforico, aperta ancora nel XVII secolo, viene utilizzato per la fabbricazione di bevande gassate per dare loro piccante «acidità».

Kak pravilno chitat informaciu na etiketkah prodyktov

«A volte, nella produzione di soda dolce si applicano conservanti – integratori alimentari, progettati per aumentare la shelf-life e preservare la qualità del prodotto attraverso la sua protezione microbica danni», spiega il professor Yuri Tyrsin, prorettore per il lavoro scientifico MGYPP, RANS. I più comuni – sorbico e acido benzoico (E200 e E210). È interessante notare che l’acido sorbico è stata scorporata dal succo di bacche di sorbo ancora nel 1859 ed è ancora ampiamente utilizzato nella produzione di vari prodotti alimentari, ad esempio, per garantire a lungo e l’archiviazione sicura di averlo salato leggermente il pesce, vitello grana, latticini (ricotta), insalate, ecc

Naturalmente, alcuni produttori sono e senza l’uso di conservanti. «Garantire elevati standard igienico-sanitarie, infermieristiche microbiologica controllo qualità delle materie prime e l’applicazione di moderne tecnologie di imbottigliamento e di pastorizzazione consentono di garantire la qualità, la sicurezza e i tempi di conservazione di bevande analcoliche e senza l’uso di conservanti. Ad esempio, la produzione di tale bevanda popolare come la Coca-Cola non vengono utilizzati conservanti», – dice l’esperto.

Si scopre che l’indice E l’elenco degli ingredienti sulla confezione di un prodotto alimentare non è terribile. Importante – leggere attentamente le informazioni sull’etichetta del prodotto e non avere paura di simboli sconosciuti, perché se entrano nella composizione di numerose e diffuse di alimenti o di bevande, quindi, sono passati tutti i tipi di controlli, sono consentite dalla legge e non possono rappresentare un pericolo per la nostra salute.

Materiale preparato con supporto informativo TCCC.

Come leggere correttamente le informazioni sulle etichette dei prodotti | Source